Áxeinos! Geopolitica del Mar Nero 📕

Axeinos libro e ebookÁXEINOS! GEOPOLITICA DEL MAR NERO di Mirko Mussetti, con la prefazione di Alessandro Politi e l’introduzione di Laris Gaiser. Lavoro finanziato dal Centro Studi Carlo De Cristoforis per volere del presidente Giuseppe Gagliano. Buona lettura! 😉

Il saggio è disponibile su tutte le principali piattaforme online nel formato ebook (€4,99) e cartaceo (€10,99); edizioni goWare.

Acquistabile anche con 18App e Carta del Docente.
Amazon | Apple iBookstore | Bookrepublic | Google Play | IBS | Kobo Books | LaFeltrinelli | Libreria Rizzoli | MondadoriStore 

Logo goWareIl piccolo Mar Nero si presenta oggi come un ricettacolo di potenziali conflitti regionali in ambito diplomatico, commerciale e militare sia per terra che per mare. A lungo percepito come un’irrilevante appendice del Mar Mediterraneo, l’(in)ospitale spazio eusino potrebbe ben presto riacquistare una nuova dignità geopolitica. L’Italia deve intuire come i principali attori rivieraschi sapranno interagire tra loro allo scopo di proteggere al meglio gli interessi commerciali, energetici e logistici. La Russia (economia complementare), la Turchia (concorrente naturale) e la Romania (alleato affidabile) sono gli osservati speciali. Sapranno questi attori trasformare l’occluso specchio d’acqua da terreno di scontro geostrategico in zona di comunicazione geoeconomica?

Il conflitto sulla Transnistria è lontano da una conclusione

Tratto da Il Mondo Oggi, 31 maggio 2018 Link


Il 29 e 30 maggio si è tenuta a Roma la Conferenza permanente per la regolamentazione del conflitto transnistriano. A presiedere il forum nel formato 5+2 (Moldova, Transnistria, Russia, Ucraina, Osce + Ue e Usa) è stato il rappresentante speciale dell’Osce Franco Frattini, il quale si è detto soddisfatto dei risultati conseguiti: “La riunione di Roma è stata costruttiva”.

Continua a leggere…

Gas per la Romania

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) elargirà un prestito di 60 milioni di euro alla compagnia romena Transgaz per la realizzazione del gasdotto che collegherà Bulgaria, Romania, Ungheria e Austria (Brua), un progetto da 479 milioni di euro finanziato in parte anche dall’Unione Europea e dalla Banca europea degli investimenti (Bei). L’infrastruttura potrà collegarsi ai corridoi est-ovest del gas diretti dall’Asia Centrale al Vecchio continente. E rappresenta un esempio del tipo di cooperazione perseguita dai paesi dell’Europa centro-orientale nell’ambito dell’Iniziativa dei Tre Mari, volta proprio a realizzare assi viari ed energetici. Con l’obiettivo, fra gli altri, di ridurre l’esposizione ai ricatti del gas made in Russia.

Continua a leggere…

Dodon sospeso

Limes pubblica nella rassegna geopolitica quotidiana IL MONDO OGGI un mio commento sulla sospensione dei poteri del presidente moldavo Igor Dodon. Link

Per la terza volta in poche settimane, la Corte costituzionale ha sospeso temporaneamente i poteri del presidente Igor Dodon a causa del suo ripetuto rifiuto di promulgare la legge anti-propaganda votata per ben due volte dal parlamento, disattendendo palesemente le disposizioni dell’art. 93 della Costituzione. Il presidente del parlamento Andrian Candu svolgerà il ruolo di presidente ad interim fino alla firma e all’adozione della nuova legge.
Continua a leggere…

La Repubblica Moldova richiama il proprio ambasciatore in Russia

Limes pubblica nella rassegna geopolitica quotidiana IL MONDO OGGI un mio commento sulla crisi diplomatica tra la Repubblica Moldova e la Federazione Russa. Link

Il ministero degli Affari Esteri moldavo ha richiamato a Chişinău a tempo indeterminato il proprio ambasciatore in Russia Andrei Neguţă. Il motivo dichiarato concerne le ripetute “molestie e intimidazioni da parte delle autorità della Federazione Russa agli ufficiali e politici moldavi in territorio russo”, anche se evidenti casi concreti non sono stati resi pubblici.

Continua a leggere…